Palazzo Roccabruna
From 15/11/2018 to 17/11/2018
17:00-22:00

Dal 15 al 17 novembre dalle 17.00 alle 22.00 Palazzo Roccabruna propone degustazioni dei numerosi mieli iscritti al "Concorso Mieli del Trentino 2018". Gli stessi saranno abbinati ai formaggi d'alpeggio "Trentino di malga"  in occasione della omologa manifestazione "Malghe in Fermento"

TrentinoDiMalga.jpg

Miele.jpgL'apicoltura è una pratica millenaria che accompagna l'uomo nel corso della sua storia. I Greci e i Romani, ma anche gli Egiziani, utilizzavano il miele come dolcificante per vino e focacce o per bevande alcoliche, frutto di fermentazione, come l'idromele, una miscela di acqua e miele. Michelangelo Mariani in "Trento con il Sacro Concilio e altri notabili" del 1673 così scrive: "il miele (…) nel Trentino viene in gran quantità e qualità (…). L'api lo raccolgono per lo più dai fiori campestri, e non poco si vagliono del formento nero, quando fiorisce." Il miele è il risultato di una serie di delicati processi biologici e di complesse trasformazioni chimiche che portano direttamente sulle nostre tavole i profumi del territorio. Oggi nella nostra provincia si producono sia mieli uniflorali (ottenuti da uno stesso tipo di sorgente nettifera) che millefiori (ottenuti da una miscela di nettari diversi) con una forte prevalenza di questi ultimi che rappresentano la maggior parte della produzione.

Gastronomia, accoglienza, specializzazione, valorizzazione delle specificità territoriali, "agricoltura sostenibile" sono i cardini di una grande filiera nei quali il miele trentino è inserito a pieno diritto.

L'Associazione Apicoltori Trentini, in collaborazione con la Camera di Commercio di Trento, ha organizzato il "Concorso dei Mieli del Trentino 2018". Un'importante iniziativa che nelle precedenti edizioni ha riscosso una significativa partecipazione di molti apicoltori presenti sull'intero territorio provinciale. Il concorso ha lo scopo di incentivare la buona produzione, di valorizzare e promuovere il consumo delle diverse qualità di miele del Trentino.

Possono partecipavi tutti gli apicoltori regolarmente censiti ai sensi della L. P. 16/1988 art. 3 residenti in provincia di Trento. Per l'edizione 2018 sono state ammesse le seguenti tipologie: Millefiori, Acacia, Castagno, Melata, Melata d'abete, Melo, Rododendro, Tarassaco, Tiglio ed eventuali produzioni diverse: Erica Carnea e Ailanto.

I campioni di miele ammessi a concorso sono valutati da una giuria composta da Assaggiatori iscritti all'albo degli Esperti in Analisi Sensoriale del Miele ed ai migliori saranno assegnati attestati di eccellenza mentre a tutti verrà rilasciata comunque una scheda tecnica.

La consegna degli attestati di merito è fissata per le ore 17,00  di sabato 17 novembre presso Palazzo Roccabruna

 

Qualche dato:

al concorso hanno partecipato 90 mieli

30 millefiori

21 rododendro

8 acacia

6 melate

7 melata di abete

5 castagno

5 tiglio

4 melo

2 lampone

1 tarassaco

1 ailanto

Foto della premiazione edizione 2017